Domande Frequenti sui pulisci vetri migliori

1
2
3
4
5
Zindoo Lavavetri per Cabina Doccia da Ventosa, Tergivetri Doccia in Acciaio Inox, Lavavetri...
Aidodo Lavavetri Elettrico, Aspiragocce per Finestra Ricaricabile senza Fili con Kit per Pulire...
Kärcher WV 2 Black Edition Aspiragocce - Batteria Li-Ion, Serbatoio da 100 ml, Durata della...
Vileda 146752 Windo MATIC Aspiragocce Elettrico Senza Fili, 12 W, Plastica, Rosso
MATCC Lavavetri Telescopico 2 in 1 Spazzola lavavetri Testina Rotante Microfibra Adatta per la...
Zindoo Lavavetri per Cabina Doccia da Ventosa, Tergivetri Doccia in Acciaio Inox, Lavavetri Spazzola...
Aidodo Lavavetri Elettrico, Aspiragocce per Finestra Ricaricabile senza Fili con Kit per Pulire Le...
Kärcher WV 2 Black Edition Aspiragocce - Batteria Li-Ion, Serbatoio da 100 ml, Durata della...
Vileda 146752 Windo MATIC Aspiragocce Elettrico Senza Fili, 12 W, Plastica, Rosso
MATCC Lavavetri Telescopico 2 in 1 Spazzola lavavetri Testina Rotante Microfibra Adatta per la...
9/10
8.6/10
8.6/10
8.4/10
8.4/10
Zindoo
Aidodo
Kärcher
Vileda
MATCC
Bestseller No. 31
Zindoo Lavavetri per Cabina Doccia da Ventosa, Tergivetri Doccia in Acciaio Inox, Lavavetri Spazzola...
Zindoo Lavavetri per Cabina Doccia da Ventosa, Tergivetri Doccia in Acciaio Inox, Lavavetri...
【 Facile da posizionare】 Non sono necessarie forature o incollaggi. Facile da rimuovere e...【 Lavavetri multifunzione】 Zindoo spazzola per vetri può rimuovere gocce d'acqua ed eliminare...【Best Value】 Le lame sono in gomma morbida che non danneggia porte e finestre durante l'usom,e...
9.0/10
Bestseller No. 32
Aidodo Lavavetri Elettrico, Aspiragocce per Finestra Ricaricabile senza Fili con Kit per Pulire Le...
Aidodo Lavavetri Elettrico, Aspiragocce per Finestra Ricaricabile senza Fili con Kit per Pulire...
Utile e conveniente: Il lavavetri è ideale per pulire le superficie liscie, il tavolo, le finestre...Design avanzato: il lavavetri assorbe l'acqua in un modo semplice e affidabile di vetro, senza...Il pratico e ergonomico lavavetro Aidodo consente anche di pulire i vetri in modo particolarmente...
8.6/10
Bestseller No. 33
Kärcher WV 2 Black Edition Aspiragocce - Batteria Li-Ion, Serbatoio da 100 ml, Durata della...
Kärcher WV 2 Black Edition Aspiragocce - Batteria Li-Ion, Serbatoio da 100 ml, Durata della...
Capacità serbatoio d'acqua 100mlDurata della batteria 25minTempo di ricarica 120min
8.6/10
OffertaBestseller No. 34
Vileda 146752 Windo MATIC Aspiragocce Elettrico Senza Fili, 12 W, Plastica, Rosso
Vileda 146752 Windo MATIC Aspiragocce Elettrico Senza Fili, 12 W, Plastica, Rosso
8.4/10
Bestseller No. 35
MATCC Lavavetri Telescopico 2 in 1 Spazzola lavavetri Testina Rotante Microfibra Adatta per la...
MATCC Lavavetri Telescopico 2 in 1 Spazzola lavavetri Testina Rotante Microfibra Adatta per la...
8.4/10

Modelli

Che cos’è un puliscivetri?

Il puliscivetri è un dispositivo ideato allo scopo di detergere ed asciugare al meglio le superfici in vetro e quelle a specchio. Può essere chiamato anche lavavetri. La sua caratteristica fondante è quella di essere costituito da una parte in microfibra, da utilizzare per il lavaggio unitamente alla soluzione detergente, e da un componente in gomma denominato tergivetro, che ha la funzione essenziale di asciugare la superficie.

Quante tipologie ci sono in commercio?

La distinzione principale è quella tra puliscivetri manuali ed elettrici. I dispositivi di tipo elettrico possono funzionare, a loro volta, mediante cavo o con batterie ricaricabili agli ioni di litio. I modelli elettrici oggi più comuni sono denominati aspiragocce. Tra i puliscivetri più sofisticati troviamo quelli magnetici e, soprattutto, i robot ad azione automatica.

Che cos’è un aspiragocce?

Si tratta di un dispositivo elettrico costituito da un’impugnatura ergonomica. La sua peculiarità, da cui deriva il nome, risiede nella potenza di aspirazione: un elemento che garantisce un’asciugatura impeccabile e quanto mai indispensabile per una corretta pulizia del vetro, materiale sempre a rischio di aloni e macchie immediatamente visibili. Quasi tutti i modelli di questa tipologia sono senza fili e funzionano a batterie.

Gli aspiragocce sono dotati di supporto in microfibra per il lavaggio?

La maggior parte dei marchi lo prevede in dotazione. In altri casi bisogna acquistarlo separatamente.

Quanto dura l’autonomia delle batterie presenti in questi prodotti?

Dipende dall’articolo specifico. Generalmente la durata di questi apparecchi, in modalità wireless con batterie completamente cariche, può variare dai 25 ai 45 minuti. Un’autonomia maggiore corrisponde però solitamente ad un tempo di ricarica dell’apparecchio più lungo. I tempi di una ricarica completa possono infatti andare da un minimo di due ore e mezza ad un massimo di cinque ore.

Su quali superfici si può adoperare un aspiragocce?

Questo modello è in grado di offrire ottime performance sulle superfici a vetro e non purché siano di tipo regolare e perfettamente lisce, nonché poste in verticale. Gli aspiragocce possono essere usati mediante l’impugnatura posta nel supporto principale, per la pulizia di superfici facilmente accessibili, o tramite un manico telescopico. Questo strumento é fornito molto spesso in dotazione con il dispositivo, oppure bisogna acquistarlo separatamente.

Che cos’è e come funziona un manico telescopico?

Il manico telescopico è un accessorio che accomuna diversi utensili per la pulizia ed in particolare, i puliscivetri, sia nella versione elettrica che manuale. La sua funzione è quella di permettere all’utente di raggiungere e pulire i vetri posti ad altezze poco agevoli. Questo tipo di manico si definisce telescopico per la sua proprietà di funzionare al pari di un cannocchiale telescopico, e cioè mediante l’azione di due o più elementi che, scorrendo uno dentro l’altro, gli permettono di allungarsi.

Che lunghezza può raggiungere un manico telescopico?

L’allungamento può essere di varia misura, a seconda del modello specifico. I manici telescopici dei lavavetri ad uso domestico possono arrivare a superare anche i tre metri di lunghezza totale. Mentre quelli professionali raggiungono anche i sette metri e oltre. Un semplice meccanismo manuale, alla base di molti utensili da lavoro e chiamato “gira e blocca“, permette di fissare il manico alla misura desiderata e procedere all’uso senza incorrere nei possibili inconvenienti dovuti ad un movimento accidentale dello stesso.

Come funziona un puliscivetri magnetico?

Si tratta di un dispositivo costituito da un doppio supporto di lavaggio tenuto insieme da un magnete. La sua particolarità sta nel permettere la pulizia simultanea di un vetro sia dall’interno che all’esterno. La modalità di utilizzo è quella di posizionare i due supporti sulle superfici da lavare e procedere a movimentare quella posta dalla propria parte: l’altro supporto si muoverà per effetto del magnete in modo analogo, provvedendo a pulire il lato opposto del vetro.

Come funziona un robot lavavetri?

Questi modelli possono avere un doppio funzionamento. Una è la modalità mediante telecomando, ovvero sia è l’utente ad orientare il movimento del robot sulla superficie da pulire attraverso l’uso dei tasti presenti sulla consolle. La modalità più sofisticata, propria degli apparecchi di ultima generazione, è quella di funzionare anche in modo completamente automatico.

Alcuni robot permettono infatti di impostare il percorso di pulizia da effettuare, grazie a dei sensori di rilevazione aventi una funzione di memorizzazione. Questa, sin dai primissimi movimenti, permette alla macchina di acquisire le informazioni relative alla superficie dove è posta e suggerisce gli opportuni spostamenti da effettuare. Una volta impostate le opzioni di riferimento, tali robot effettuano tutte le operazioni di lavaggio e di asciugatura in modo completamente autonomo.

I modelli magnetici e i robot sono sicuri da adoperare?

Entrambe le tipologie sono dotate di un cordino o fune di sicurezza, per prevenire la caduta accidentale dei supporti dalla superficie ove sono collocati. Di norma comunque, se vengono seguite le indicazioni del libretto d’istruzioni, è davvero rara l’eventualità che essi perdano aderenza dalla superficie. L’unica accortezza da avere è quella di non adoperarli su vetri esterni in giornate particolarmente ventilate: tale eventualità atmosferica potrebbe infatti provocare facilmente un distacco accidentale del dispositivo dalla parete, pur avendo rispettato tutte le regole della sua messa in funzione.

Qual è il modello di puliscivetri più performante?

Non esiste un modello che garantisca di per sé prestazioni migliori di altri. La valutazione dipende in primis dalle pulizie che bisogna effettuare, considerando il tipo di vetro, le sue dimensioni e la collocazione che esso ha nello spazio (interno/esterno, altezza, consistenza della superficie, posizione orizzontale/verticale). In secondo luogo bisogna considerare le abitudini e le esigenze dell’utente. Un fattore di rilevo nel valutare un acquisto di questo tipo può infatti essere dato anche dal desiderare un prodotto che si adatti al meglio anche su altre superfici o ad usi più specifici.

Usi

Quali detergenti bisogna utilizzare?

Con qualsiasi tipo di puliscivetri è possibile utilizzare sia detergenti industriali che fai da te. L’accorgimento più importante, soprattutto in relazione ad i primi, è quello di non eccedere nelle quantità. Molti dispositivi oggi in commercio possiedono un apposito flacone con nebulizzatore, da caricare con il prodotto che si preferisce.

I detergenti fai da te sono efficaci sul vetro?

Certo, soprattutto quelli a base di aceto o bicarbonato. Queste composizioni garantiscono infatti una buona performance igienizzante e non lasciano aloni: uno degli aspetti essenziali per una pulizia accurata e duratura del vetro. Solo in presenza di macchie ostinate, o dovute a cause eccezionali, potrebbero non produrre l’effetto sperato.

Quali sono i migliori prodotti detergenti di tipo industriale?

Sicuramente quelli forniti dai maggiori produttori mondiali di detersivi quali BrefVetril, Viakal, Glassex, Ajax e Winni’s. Ma anche i detergenti prodotti dai marchi leader nel settore delle pulizie specialistiche, come Kercher, Fila e Mellerud.

In quale momento della giornata è preferibile pulire i vetri delle finestre?

Questo particolare dipende essenzialmente dall’esposizione della propria abitazione. Generalmente è sconsigliato pulire i vetri se sono esposti alla luce diretta del sole. Il calore prodotto da questo tipo di esposizione, infatti, ha l’effetto di asciugare istantaneamente le finestre, nel momento stesso in cui vengono lavate. Un inconveniente non da poco perché causa la formazione di aloni antiestetici, che non renderebbero giustizia alla pulizia effettuata.

Come pulisco il telaio delle finestre?

Il telaio delle finestre va pulito manualmente con un panno, preferibilmente prima che si operi sulla superficie di vetro. Questo perché, nel telaio, spesso di annidano materiali di varia origine (insetti morti, pezzi di foglie secche, grumi di polvere) che, venendo rimossi successivamente, potrebbero facilmente intaccare la pulizia del vetro.

 Se il telaio ha uno stile iper-moderno, e si presenta dunque liscio e squadrato, può essere pulito contestualmente al vetro, grazie all’azione di un aspiragocce. L’unica accortezza è, naturalmente, quella di rimuovere preventivamente eventuali residui importanti di materiale presente.

Quando è preferibile utilizzare un puliscivetri manuale?

E’ preferibile utilizzare un puliscivetri di tipo manuale su tutte le superfici di ampiezza molto ridotta, che non giustificano quindi l’impiego delle prestazioni di un dispositivo elettrico. E’ altresì consigliato il ricorso ad un mezzo manuale anche per tutte quelle superfici non perfettamente lisce. Come alcune tipologie di vetrate sabbiate o satinate, che spesso costituiscono porte e muri divisori posti all’interno delle abitazioni domestiche.

Come si pulisce il vetro sabbiato?

Il vetro sabbiato è costituito da decorazioni, incisioni o velature che sono volte ad opacizzare la superficie in questione senza però toglierle la caratteristica trasparenza. Se la lavorazione in questione è molto semplice e priva di rilievi si può adoperare anche un modello elettrico; in caso contrario è sconsigliato. 

Come si pulisce il vetro satinato?

Il vetro satinato può presentare o no delle decorazioni, ma la sua caratteristica fondamentale è quella di opacizzare a tal punto la superficie da non riuscire più a vedere attraverso: si vede solo quello che è immediatamente dietro al vetro, ma presenta contorni sfumati ed ha un aspetto solo vagamente riconoscibile. La satinatura può essere sia chiara che scura (generalmente nelle gradazioni del grigio e del bronzo) e può altresì presentarsi liscia oppure in rilievo: in ogni caso, pur togliendo trasparenza alla superficie, non incide sulla trasmissione luminosa. Se la satinatura è perfettamente liscia può essere comunque adoperato qualsiasi modello di puliscivetri. Se invece è costituita da rilievi, è senza dubbio preferibile optare per una metodologia manuale.

Quale soluzione è preferibile adoperare per vetri smerigliati o decorati?

Dipende dal tipo e dall’ampiezza della decorazione. Per vetri molto particolari, aventi anche dei dettagli in rilievo, è sicuramente preferibile adoperare un modello manuale, che si può movimentare a piacimento a seconda della conformazione specifica della decorazione. Per vetri con decorazioni molto piccole e non rilevanti, o poste essenzialmente nelle bordature, si può invece adoperare un modello elettrico, anche di tipo aspiragocce.

Per quali pulizie si presta meglio un modello elettrico?

Un modello elettrico è indicato generalmente non solo sul vetro ma su tutte le superfici ampie, lisce e poste in verticale. Alcuni aspiragocce di ultima generazione sono dotati invece di un collo flessibile: un particolare semplice ma fondamentale a permetterne l’impiego anche su superfici poste in orizzontale. Purché siano comunque perfettamente lisce e non presentino decorazioni che potrebbero rovinarsi e/o inficiare il funzionamento del dispositivo.

Quale modello è consigliato per pulire i vetri dell’auto?

Avendo delle dimensioni abbastanza contenute, i vetri delle auto possono essere puliti abilmente con un supporto di tipo manuale. Per gli specchietti e i finestrini basta una spugna morbida ed un’asciugatura mediante i fogli di giornale, che non lasciano aloni. Per pulire al meglio il parabrezza e il lunotto, è invece opportuno utilizzare un modello manuale, provvisto di manico fisso o telescopico, che rende agevole anche il raggiungimento delle zone centrali. A tal proposito segnaliamo la presenza sul mercato di appositi kit per lavare i vetri delle auto a forma rettangolare o triangolare, ideati per facilitare anche la pulizia approfondita degli angoli.

Mi sono trasferito in una mansarda dalle finestre molto alte. Quale modello mi consigliate di adoperare?

Per la pulizia di questi vetri basta solitamente utilizzare un buon modello manuale o con aspiragocce dotato di manico telescopico. L’unica accortezza è quella di controllare che l’altezza delle finestre in questione sia alla portata del manico telescopico in dotazione. In alternativa si può acquistare il manico separatamente, verificando la compatibilità dello stesso con il marchio del supporto che magari è già in possesso.

La mia attività ha delle vetrate molto alte che non rendono agevole la pulizia delle superfici esterne. Quale lavavetri potrei adoperare?

Il modello ideale è in questi casi costituito dal puliscivetri magnetico. Esso permette infatti di pulire il vetro esterno grazie al movimento effettuato dall’utente sul vetro interno, grazie alla funzione assolta dal magnete che tiene insieme i due supporti. Un elemento importante per un corretto funzionamento di questo genere di prodotti è però quello di usarli su vetri singoli e di spessore non troppo consistente. Queste due eventualità potrebbero infatti non permettere un’efficace tenuta del magnete e, dunque, non si riuscirebbe a pulire il vetro esterno.

Se le vetrate sono apribili, si potrebbe utilizzare anche uno specifico strumento manuale ideato per facilitare questo tipo di pulizie dall’interno. Si tratta di un supporto di tipo circolare con asta telescopica e manico a U, fornita di testa girevole a 180 gradi e angolo di rotazione a 360 gradi. 

Ho dei tavoli e tavolini in vetro e vorrei un puliscivetri elettrico utile a pulire anche quelli. Quali prodotti mi consigliate?

Tutti i modelli provvisti di collo flessibile. Essi permettono un’ampia possibilità di orientamento, proprio allo scopo di pulire anche ripiani, tavoli, tavolini, mensole ed ogni altra tipologia di superficie piana.

Vorrei acquistare un puliscivetri per pulire anche le piastrelle in ceramica. Quale scelgo?

Sono molti i modelli che oggi si prestano a pulire, oltre ai vetri, anche le piastrelle. La cosa importante è che queste siano lisce e non abbiano elementi posti in rilievo, che potrebbero ostacolare il corretto funzionamento del dispositivo.

Altro strumento molto versatile è il pulitore a vapore. Si tratta di un dispositivo ideato per la sanificazione di molte superfici, domestiche e non. Grazie alla potenza igienizzante del vapore prodotto, ed ai molti supporti di ricambio e di accessori, questa tipologia permette di adattarsi facilmente alla pulizia di vetri, piastrelle e fughe di ogni tipo di rivestimento o pavimento, e si adatta benissimo anche a moquette, materassi, fibre e tessuti di varia origine.

Ho acquistato un acquario dalle dimensioni importanti. Come posso pulirlo al meglio?

Per la pulizia di un oggetto di questo tipo ci si può affidare ad un modello magnetico che garantisce una pulizia simultanea ed impeccabile su entrambi i lati del vetro. Deve però trattarsi di un vetro singolo e dallo spessore non troppo consistente. Motivo per cui consigliamo di verificarne sempre le dimensioni e confrontarle opportunamente con quelle riferite al prodotto che s’intende acquistare.

Marche e costi

Quali sono le marche che offrono i prodotti migliori?

Sono molte le marche che offrono prodotti di ottima qualità, sia in riferimento ai dispositivi manuali che a quelli elettrici. Le marche leader nel settore offrono entrambe le tipologie di prodotto. Tra queste possiamo segnalare: Vileda, Leifheit e Karcher. Molto validi in ambito elettronico anche i dispositivi elaborati da Bosch. Per gli articoli ad uso manuale si segnalano invece, tra gli altri, quelli distribuiti da Docazoo e Fair. Tra i leader nella produzione dei lavavetri magnetici troviamo Tyroler Bright ToolsBaffectCharminer. I robot, essendo dei prodotti ad altissime prestazioni tecnologiche, hanno invece altri marchi di riferimento. Tra questi possiamo segnalare: IRobot, Ecovacs RoboticsEco-De, Ecovacs e Ikohs. Per i pulitori a vapore multiuso sono ottime Black and Decker, Polti e Karcher. Validi anche i supporti distribuiti da Comforday e Mlmlant.

Quanto costa un modello manuale?

Un modello manuale con caratteristiche di base ha un costo normalmente compreso tra 15 e 30 euro. La differenza di prezzo può attenere alle prestazioni del manico telescopico in dotazione oppure alla predisposizione del supporto principale che, nei modelli migliori, presenta tutte le bordature gommate con le più elevate prestazioni antiurto e antigraffio. Vedere sempre i prezzi sui siti dei produttori perché per natura sono soggetti a cambiamenti, per questo indichiamo solo fasce molto approssimative.

 I modelli di fascia alta offrono invece, oltre ai supporti per il lavaggio e l’asciugatura dei vetri, anche dei piumini cattura-polvere ad effetto elettrostatico, per spolverare accuratamente bordi ed angolature anche molto alte e caratterizzate da scanalure profonde. Questi prodotti sono in genere completi anche di manici telescopici allungabili fino a oltre 7 metri e possono avere un costo complessivo compreso tra i 100 ed i 130 euro circa. Vedere sempre i prezzi sui siti dei produttori perché per natura sono soggetti a cambiamenti, per questo indichiamo solo fasce molto approssimative.

Quanto costa un kit specifico per la pulizia dell’auto?

Il prezzo di questi prodotti è compreso tra 10 e 15 euro circa. Prevedono generalmente dei panni antigraffio in microfibra al 100%, manici e teste girevoli almeno a 180 gradi e piccolo spray nebulizzatore. Sono pratici da usare anche solo per disappannare i vetri dell’auto durante l’inverno, senza il bisogno di accendere e riscaldare il veicolo. Vedere sempre i prezzi sui siti dei produttori perché per natura sono soggetti a cambiamenti, per questo indichiamo solo fasce molto approssimative.

Quanto costa un aspiragocce?

Il prezzo base di un aspiragocce è di circa 30 euro. I modelli completi di manico telescopico e dotati delle più alte prestazioni possono avere un costo massimo di circa 100 euro.

Quanto costa un puliscivetri magnetico?

I puliscivetri magnetici dalle prestazioni base possono essere acquistati ad un prezzo compreso tra 20 e 40 euro circa. I modelli di fascia alta hanno invece un costo generalmente superiore ai 50 euro e possono arrivare a sfiorare anche i 100 euro circa. Vedere sempre i prezzi sui siti dei produttori perché per natura sono soggetti a cambiamenti, per questo indichiamo solo fasce molto approssimative.

Quanto costa un robot lavavetri?

I robot lavavetri rappresentano la più alta avanguardia nel settore delle pulizie del vetro e non. I costi sono quindi quelli più alti del relativo mercato. I robot provvisti di una semplice funzione telecomando possono essere acquistati con una spesa compresa tra 150 e 200 euro circa.

I modelli di fascia alta prevedono invece anche l’utilizzo automatico, perché forniti della funzione di memorizzazione dei percorsi. In questo caso il costo può oscillare tra 200 e 400 euro a seconda delle specifiche prestazioni offerte.  Vedere sempre i prezzi sui siti dei produttori perché per natura sono soggetti a cambiamenti, per questo indichiamo solo fasce molto approssimative.

Quanto costa un pulitore a vapore adattabile anche alle superfici in vetro?

La fascia di prezzo per un prodotto base di questo tipo è tra i 40 euro ed i 100 euro circa. Le apparecchiature professionali hanno invece un costo minimo di circa 200 euro ma si prestano ad una quantità di usi davvero eccezionale. Vedere sempre i prezzi sui siti dei produttori perché per natura sono soggetti a cambiamenti, per questo indichiamo solo fasce molto approssimative.

Classifica dei Migliori Prodotti

1 Zindoo Lavavetri per Cabina Doccia da Ventosa, Tergivetri Doccia in Acciaio Inox, Lavavetri Spazzola...

Zindoo Lavavetri per Cabina Doccia da Ventosa, Tergivetri Doccia in Acciaio Inox, Lavavetri...

  • 【 Facile da posizionare】 Non sono necessarie forature o incollaggi. Facile da rimuovere e...
  • 【 Lavavetri multifunzione】 Zindoo spazzola per vetri può rimuovere gocce d'acqua...
2 Aidodo Lavavetri Elettrico, Aspiragocce per Finestra Ricaricabile senza Fili con Kit per Pulire Le...

Aidodo Lavavetri Elettrico, Aspiragocce per Finestra Ricaricabile senza Fili con Kit per Pulire...

  • Utile e conveniente: Il lavavetri è ideale per pulire le superficie liscie, il tavolo, le finestre...
  • Design avanzato: il lavavetri assorbe l'acqua in un modo semplice e affidabile di...
3 Kärcher WV 2 Black Edition Aspiragocce - Batteria Li-Ion, Serbatoio da 100 ml, Durata della...

Kärcher WV 2 Black Edition Aspiragocce - Batteria Li-Ion, Serbatoio da 100 ml, Durata della...

  • Capacità serbatoio d'acqua 100ml
  • Durata della batteria 25min
  • Tempo di ricarica 120min
4 Vileda 146752 Windo MATIC Aspiragocce Elettrico Senza Fili, 12 W, Plastica, Rosso

Vileda 146752 Windo MATIC Aspiragocce Elettrico Senza Fili, 12 W, Plastica, Rosso

  • Serbatoio d'acqua estraibile e lavabile in lavastoviglie
  • Adatto per pulire vetri, specchi, finestre e superfici orizzontali lisce
  • Collo flessibile per risultati anche su bordi...
5 MATCC Lavavetri Telescopico 2 in 1 Spazzola lavavetri Testina Rotante Microfibra Adatta per la...

MATCC Lavavetri Telescopico 2 in 1 Spazzola lavavetri Testina Rotante Microfibra Adatta per la...

  • 【Kit per la pulizia delle finestre 2 in 1】 - Il tergipavimento multifunzionale per la pulizia...
  • 【Tergivetro con lama in gomma dura】 - La parte perfetta per la pulizia è...
Back to top
Apri Menu
puliscivetrimigliore.it